Aprire una filiale a Dubai

Società a Dubai: aprire una filiale o una newco?

Svolte le opportune fasi di ispezione e analisi costi/benefici, uno dei primi passi da poter percorrere quando si approccia un nuovo territorio è quello di avviare un Ufficio di Rappresentanza. In questo caso l’azienda investe sul nuovo mercato senza acquisire una vera soggettività tributaria; è una soluzione che richiede risorse e investimenti nettamente inferiori se comparati ad una stabile organizzazione e consente di svolgere attività promozionali, analisi di mercato, ricerca di clienti/fornitori e raccolta d’informazioni preziose.

La succursale è l’evoluzione di un ufficio di rappresentanza. Si tratta a tutti gli effetti di stabile organizzazione, che esercita attività analoga a quella dell’azienda madre, ma è un centro autonomo di costi e ricavi. Questa struttura pur avendo un’autonomia economica e commerciale, non ha però autonomia giuridica rispetto alla casa madre: gli effetti economici attivi e passivi della succursale fanno parte dei risultati della società di appartenenza. Il bilancio della succursale estera solitamente è integrato nel bilancio dell’azienda madre e le perdite realizzate sono portate in deduzione del reddito imponibile nello Stato italiano e per questo immediatamente recuperate, il che è vantaggioso specialmente nei primi tempi, quando le perdite tendono a essere spesso molto alte.

Si definisce filiale una società controllata da una capogruppo, con autonomia anche giuridica (oltre che economica e commerciali), ma legata alla sede principale da rapporti di azionariato. Questa avrà un proprio statuto e propri organi sociali quindi, a tutti gli effetti, sarà un soggetto fiscale autonomo. Dovrà essere costituita in forma di società di capitali e controllata da altra società che potrà essere o di capitali o di persone.

Spesso per ragioni tipiche del mercato ospitante, è opportuno operare attraverso accordi di lungo periodo tramite, ad esempio, acquisizioni o joint-ventures (JV).

Ma quale di queste soluzione adottare quando si vuole entrare nel mercato di Dubai e degli Emirati Arabi? Ovviamente non esiste una risposta univoca, e ciascun caso andrebbe analizzato singolarmente. Ma in linea di massima il regime fiscale agevolato degli Emirati Arabi potrebbe suggerire una soluzione alternativa, cioè quella di creare una newCo, una società completamente indipendente dalle altre società ed eventualmente stipulare joint venture tra la casa madre/la società esistente la nuova società. Soprattutto quando tale società viene costituita nelle Free Zone che prevedono una serie di agevolazioni, tipo nessun partner locale, nessun obbligo di presentazione dei registri contabili, esenzione fiscale totale, ecc..

Sarebbe come avere un vero e proprio ufficio di rappresentanza “di fatto”, salvo poi gestire commesse e appalti con la casa madre. Certo non sempre questo è possibile, soprattutto quando si rende necessario avere sul territorio una società a tutti gli effetti e con determinati requisiti (certificazioni ad esempio) già acquisite dalla casa madre e non semplicemente replicabili. Un’azienda certificata ISO – ad esempio – potrebbe dover aprire una vera e propria filiale fuori dalle Free Zone per ereditare le certificazioni e poter lavorare con il territorio.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *