Apertura società a Dubai: non serve più il socio locale al 51%

Gli Emirati Arabi Uniti consentono agli investitori la piena proprietà delle società dal 1° giugno 2021

La riforma era originariamente prevista per il dicembre dello scorso anno, per poi rimandarla al 2021. Il ministro dell’Economia Abdullah bin Touq in un tweet ha confermato che l’ultima decisione è un nuovo passo che riflette l’impegno del governo degli Emirati Arabi Uniti a sostenere l’economia e migliorare la diversificazione delle entrate.

Nel novembre 2020, gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato che la storica riforma che consente agli investitori stranieri di possedere il 100% delle imprese sarebbe entrata in vigore dal 1 ° dicembre 2020. Tuttavia, dopo aver ampliato la portata dei settori ammissibili alla piena proprietà da parte di investitori stranieri, la legge è ora pronta per il lancio dal 1 giugno 2021.

La riforma a lungo attesa e ampiamente discussa, che avrà implicazioni rivoluzionarie sul panorama degli investimenti della nazione, è stata approvata dal presidente Sua Altezza lo sceicco Khalifa bin Zayed Al Nahyan lo scorso anno.

La conferma

Sua Altezza lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Vicepresidente e Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti e Sovrano di Dubai, ha affermato che gli Emirati Arabi Uniti godono ora di un fertile ambiente legislativo per gli investitori diretti esteri al fine di migliorare la competitività della nazione.

Il mese scorso, il ministero dell’Economia degli Emirati Arabi Uniti ha dichiarato che la nuova legislazione include 10 nuovi settori, sebbene non li abbia ancora resi pubblici. Abdulla Al Saleh, Sottosegretario del Ministero dell’Economia per il Commercio Estero e l’Industria degli Emirati Arabi Uniti, ha confermato che questa legislazione fondamentale nella legge sulle società commerciali è nelle sue fasi finali di formazione che consentirà agli investitori e affari in 10 nuovi settori di importanza strategica per rientrare nelle competenze di legge.

Secondo il nuovo regime di investimenti diretti esteri, diverse categorie di licenze commerciali non richiederanno più gli Emirati come sponsor con diritti di partecipazione azionaria del 51%.

Al Saleh ha anche specificato che le aziende già aperte e precedentemente autorizzate negli Emirati Arabi Uniti possono modificare il loro status in base ai nuovi emendamenti della legge sulle società commerciali (UAE Commercial Law).

Video:

Nel video gli aggiornamenti:

Contattaci via Telegram

Prenota una consulenza

Richiedi informazioni sul corso